Vuoi collaborare con Intend Project?Inviaci il tuo Articolo o Guest post. I migliori saranno pubblicati sui nostri spazi.
Contattaci adesso

venerdì 20 gennaio 2017

Anche un diamante può essere etico: cosa sono i gioielli socialmente sostenibili

San Valentino si sta avvicinando e con essa l’occasione per fare un dono alla nostra compagna. Hai mai pensato di regalare un diamante? Il settore dei preziosi presenta un gran numero di alternative, che permette di acquistare anelli con diamanti di ottima fattura per differenti tipi di budget.
 
L’acquisto migliore sarebbe quello rappresentato dai diamanti etici, con l’utilizzo di pietre preziose realmente certificate, estratte e prodotte senza creare sofferenze né a persone né all’ambiente circostante. Un diamante di questa tipologia potrebbe rappresentare un dono di grande valore oltre che socialmente sostenibile, aspetto che ne accrescerebbe ancor di più l’importanza.

Diamanti etici: come ottenerli

Realizzare gioielli etici e puliti non è una cosa così scontata, in quanto sono pochi i titolari di gioiellerie che possono vantare di utilizzare questa metodologia di vendita. Una scelta che, fatta nel modo giusto, può comportare un ritorno positivo anche dal punto di vista commerciale. Chi desidera vendere un diamante etico deve fare in modo che la pietra preziosa provenga da circuiti certificati, la cui tracciabilità può essere realmente garantita.

In particolare esiste una linea di produzione presso alcune miniere del Canada, che aderiscono ad un codice di condotta severo nel quale ogni diamante viene tracciato dal prodotto grezzo fino a quello definitivo e tagliato. Un modo per combattere anche il fenomeno della produzione di diamanti in zone di guerra è rappresentato da un altro sistema di certificazione, denominato Processo di Kimberley, con il quale ci si accerta che i diamanti realizzati in questi territori vengano eliminati dal mercato. Si tratta forse di una metodologia non ancora del tutto sufficiente, ma che permette quanto meno di contrastare un fenomeno che risulta essere in continua crescita.

Nella produzione di diamanti etici bisogna considerare anche di controllare quali sono gli agenti chimici che vengono utilizzati per il trattamento delle pietre preziose. Dove non è possibile azzerarne l’uso si deve valutare solo quelle produzioni che utilizzano questi agenti nel modo corretto, ossia nell’interesse della salvaguardia della salute di chi ci lavora a stretto contatto.

Quanto può venire a costare un diamante prodotto in modo etico? La certificazione incide in

modo sensibile sul prezzo finale? 
Si è scoperto che le maggiori differenze di prezzo si hanno soprattutto nel caso della produzione
dell’oro, in quanto viene creato un maggior differenziale di prezzo per incentivare al rispetto degli standard etici richiesti. Nel caso del diamante, invece, possono anche esserci meno differenze.

Nel mercato italiano dei gioielli esistono alcune realtà che prestano attenzione alle certificazioni delle pietre preziose.
Floris Diamanti, ad esempio, è uno store online particolarmente conosciuto per l’estrema ricercatezza dei materiali utilizzati, con anelli e gioielli che vengono sempre corredati da certificazioni ed analisi gemmologiche dei principali laboratori accreditati. L’importanza dei diamanti etici rimane, quindi, un argomento di stretta attualità, con la speranza che questa tipologia di produzione diventi sempre più utilizzata nel corso degli anni.

martedì 31 maggio 2016

Riciclare il proprio armadio - Vendere e acquistare abbigliamento su ChicMeUp

Riciclare il proprio armadio con ChicMeUp

Un nuovo modo di vendere e acquistare vestiti online

Da alcuni giorni è possibile visitare un nuovo sito web che farà la gioia di molti appassionati di moda e di abiti vintage. Si tratta di ChicMeUp, store di abbigliamento online che punta a diventare in poco tempo un punto di riferimento per chi desidera acquistare e vendere abiti nuovi, usati o vintage con un occhio di riguardo all'ecologia e al risparmio.



L’idea nasce dallo sforzo di due ragazze romane, Maria Luisa e Alessia, che hanno unito la loro passione per la moda e l’abbigliamento, cercando di offrire alla clientela un sito che risultasse ricco ed interessante, con tante sezioni e curiosità per gli utenti, mantenendo uno spirito vicino all'ecologia, al risparmio e al riuso.

Su ChicMeUp sono proprio i social a farla da padrone, in quanto si ha a disposizione uno spazio virtuale nel quale ci si può recare non solo per acquistare abiti nuovi, usati o vintage, ma anche per condividere le nostre idee sul modo in cui consideriamo la moda, oltre agli stessi abiti che possediamo e che abbiamo deciso di vendere direttamente sul sito.
Stiamo parlando di un vero e proprio social shop, in quanto si dà la possibilità a tutti coloro che decidono di iscriversi, di poter aprire una vetrina online direttamente all'interno del sito più chic del web.

Su ChicMeUp compri e vendi abiti nuovi, vintage o usati

In sintesi ChicMeUp è un portale che permette l’acquisto di abiti per uomo, donna, bimbo e bimba.
Che genere di abiti? Possiamo trovare sia quelli provenienti dai brand più famosi di mercato, ma anche quelli vintage e usati, ossia abiti acquistati in precedenza e messi solo in rarissime occasioni, ai quali vogliamo donare nuova vita mettendoli a disposizione all’interno della nostra vetrina online.

Possiamo, quindi, trovare sia privati, che vendono i loro abiti usati, sia negozianti che mettono in vendita i capi dei più importanti brand di abbigliamento.
Una novità interessante, che caratterizza e differenzia ancor di più questo sito da altri, sta nella possibilità che viene offerta a molti stilisti emergenti di mostrare liberamente i loro capi su ChicMeUp.
Questi ragazzi avranno un’occasione davvero unica per far vedere a chi visita il sito di cosa sono capaci di fare, con la possibilità di attrarre nuovi clienti e followers.



Poiché si dà molta importanza al lato social, chi possiede una vetrina online potrà personalizzarla non solo inserendo gli abiti, ma anche corredando il tutto con foto, descrizioni ed articoli pronti per essere condivisi sui principali canali social.

Avete difficoltà a capire come inserire al meglio questi capi di abbigliamento? Sul sito sono presenti dei facili tutorial che spiegano come fotografare al meglio questi vestiti e anche altri tutorial sulle taglie e la vestibilità.

Vendere vestiti online con chicmeup è un modo pratico e veloce per svuotare il proprio armadio o comprare vestiti di qualità ad un prezzo eccellente. 

Recatevi direttamente sul sito di ChicMeUp per saperne di più, chissà che dopo poco non vi siate convinti ad aprire la vostra vetrina online!


martedì 15 dicembre 2015

Risparmio energetico con la coibentazione della casa


Mantenere un’abitazione genera numerose spese da affrontare durante i diversi periodi dell’anno. Fra queste, una delle più rilevanti è da sempre quella relativa al riscaldamento, che si ripresenta ciclicamente con l’avvicinarsi della stagione invernale.

Se si desidera risparmiare il più possibile su questo tipo di spesa, una tra le principali soluzioni che si possono utilizzare riguarda l’isolamento termico dell’abitazione, ossia l’inserimento di un rivestimento interno o esterno che riesca a proteggere zone solitamente esposte alle basse temperature, come ad esempio le pareti e i sottotetti.

Nonostante si sia piuttosto restii a praticare questo tipo di soluzione, soprattutto per i costi di installazione dei materiali necessari, bisogna dire che praticare una corretta coibentazione del proprio appartamento può generare dei benefici notevoli che ripagheranno ampiamente dei sacrifici economici iniziali.

I principali benefici dell'isolamento termico della casa

Il primo aspetto da tenere presente è che un buon isolamento termico, arricchisce gli interni di una maggiore qualità abitativa, garantendo che la differenza tra esterno ed interno si mantenga su un intervallo che non superi i 3 gradi centigradi. La perdita di calore ridotta comporterà un risparmio per quanto riguarda l’energia necessaria a tenere riscaldata la casa.

Con una corretta coibentazione si riducono inoltre i cosiddetti “ponti termici”, ossia quelle zone in cui si ha una densità di flusso termico superiore rispetto ad altre parti della casa (in particolar modo negli spigoli, dove si ha una maggior possibilità di formazione di muffe). In questo modo si può proteggere l’abitazione da climi troppo umidi, ma anche troppo secchi.



Si ha una riduzione dell’inquinamento acustico, con conseguente isolamento della casa e maggiore confort abitativo.
Anche in estate si ottengono dei benefici importanti, in quanto con un corretto isolamento termico la casa non solo riesce a trattenere il calore in inverno, ma evita che questa cosa accada in estate, mantenendo l’abitazione più fresca e vivibile.

Si possono, inoltre, avere degli incentivi se si sceglie di praticare degli interventi di riqualificazione energetica, con una detrazione fiscale pari al 65% sulla spesa totale. I requisiti che un’abitazione deve possedere per poter fare richiesta di questo sgravo fiscale sono i seguenti:
- Deve trattarsi di un immobile correttamente iscritto al registro del catasto
- Deve essere dotato di un sistema di riscaldamento
- Si deve garantire che la parte di edificio su cui si andrà ad intervenire raggiungerà un livello di isolamento termico (pdf) adeguato, stabilito dal D.M 26 Gennaio 2010.

Per far si che la coibentazione sia realizzata in modo corretto, bisogna realizzare un progetto che si adatti alla perfezione all’edificio che desideriamo isolare, tenendo così conto delle caratteristiche ambientali e climatiche del luogo nel quale si trova.

Solo così si potrà scegliere il materiale migliore, che può essere un cappotto termico da applicare sulla parete esterna dell’abitazione, o l’utilizzo di schiume isolanti da insufflare nelle zone interne della casa, come nelle intercapedini e nei sottotetti.

Vediamo più nel dettaglio quanto si può arrivare a risparmiare con un buon isolamento termico.


- Per sottotetti non praticabili si può risparmiare fino al 20% sulle normali spese di riscaldamento, mentre in quelli praticabili si può arrivare fino al 40%.
- Risparmio di circa il 35% se si sceglie di praticare la coibentazione delle pareti esterne con l’applicazione di un cappotto termico.
- Risparmio di circa il 20% se si sceglie di isolare le pareti interne e praticare l'insufflaggio sull’intercapedine. Come possiamo vedere questa scelta sembra la meno conveniente, ma è spesso quella più utilizzata se ci troviamo di fronte ad edifici situati all’interno di condomini, dove spesso non si raggiunge una decisione unanime su questo tipo di interventi. La coibentazione interna permette, inoltre, un notevole grado di autonomia e si può effettuare con solo una giornata di lavoro senza richiedere alcun tipo di permesso.

Sia che si scelga di effettuare la coibentazione esterna, sia che si opti per quella interna, è innegabile quindi, che esistono numerosi vantaggi di tipo economico, ma anche in termini di qualità della vita. Abitare in una casa che si mantiene più calda in inverno e più fresca in estate, permette di usufruire di un confort maggiore che ci ripagherà ampiamente delle spese effettuate.

Alcune aziende che operano nel settore

Coibentare Casa

Prodotti

Isofor

lunedì 21 settembre 2015

L’India lancia il primo aeroporto ad energia solare


 Le potenzialità dell’energia solare: grandi quantità a costi ridotti 
La maggior parte dell'energia rinnovabile proviene direttamente o indirettamente dal sole. La luce solare può essere utilizzata direttamente per il riscaldamento e l’illuminazione delle case e di altri edifici, per la generazione di energia elettrica, per il riscaldamento dell’acqua calda e per una grande varietà di usi commerciali e industriali. 
Il calore del sole spinge anche i venti, la cui energia viene catturata con le turbine eoliche. Poi, il vento e l'acqua evaporano a causa del calore del sole. Quando questo vapore acqueo si trasforma in pioggia o neve e scorre in discesa nei fiumi o nei corsi d'acqua, la sua energia può essere catturata usando l’energia idroelettrica. 



Aeroporto di Cochin: l’India al passo con il fotovoltaico 
L'energia rinnovabile sta raggiungendo nuove vette negli ultimi annil'aeroporto internazionale di Cochin in India è appena diventato il primo aeroporto a energia solare del mondo. L'impianto ha installato 46,150 pannelli solari sul suo terreno, generando tra le 50.000 e le 60.000 unità di energia elettrica per uso quotidiano. L'aeroporto ha una storia di inclinazione verso la sostenibilità ambientale, ma questo progetto è su un livello completamente nuovo. 
L'aeroporto indiano leader nella sostenibilità aveva già utilizzato queste tecniche sostenibili, prendendo l'energia solare da due centrali più piccole installate nel 2013. Ma l'ultimo progetto porta la sua capacità di energia solare fino a 12 megawatt (MW) di energia al giorno, una quantità sufficiente per far sì che l’aeroporto riesca ad assolvere a tutte le funzioni quotidiane nel migliore dei modi.  

L’utilità dell’energia solare per la salvaguardia dell’ambiente 
Il progetto è stato installato da emvee fotovoltaica Pvt. Ltd. e dotato del sistema SCADA, che consente il monitoraggio remoto dell'impianto. Il sistema è importante per il risparmio energetico e per l’abbatimento delle spese dell'aeroporto (e del pianeta). Ma il risparmio di adesso non è niente a confronto di quello che sarà in futuro, in cui si stimano cifre impressionanti. Nel corso dei prossimi 25 anni, l'aeroporto ad energia solare salverà l'ambiente da 300.000 tonnellate di emissioni di anidride carbonica passando dal carbone all’energia solare. Questo è l'equivalente di piantare 3 milioni di alberi! Si spera che questo progetto venga seguito anche da altre strutture in tutto il mondo, ispirando un risparmio energetico ed economico sia per le grandi aziende che per le strutture come le stazioni e gli aeroporti.  

Aeroporto di Cochin: un esempio da seguire 
In India alcune strutture stanno già seguendo questo portentoso esempio di aeroporto ad energia solare: nel Bengala occidentale, infatti, il Netaji Subash Chandra Bose di Calcutta mira alla costruzione di un impianto fotovoltaico da 15 MW distribuiti su 240000 mq di terreno. Ma non solo l’India si sta affacciando al cambiamento: a Città del Messico, il nuovo aeroporto sarà il più sostenibile del mondo (verrà completato nel 2018). Anche il Regno Unito si muove verso il fotovoltaico: a Heathrow (Londra), il Terminal 2 otterrà l’energia in gran parte dalla luce solare. 

Organizzare una festa ecosostenibile

Come organizzare una festa ecosostenibile



Il giorno del tuo compleanno si avvicina e vuoi organizzare una festa  per l'occasione? Se la risposta è affermativa, perché non organizzare una festa ecosostenibile?

Al giorno d'oggi, i temi dell'ambiente e della sostenibilità sono diventati molto importanti per svariati motivi. Purtroppo stiamo vivendo un'epoca molto particolare dove la presenza umana ha modificato con il tempo l'evoluzione naturale della Terra.
Si tratta di una situazione senza precedenti e su questa analisi concorda tutta la comunità scientifica internazionale.

Quindi, se vogliamo salvaguardare l'ambiente ed evitare sprechi riducendo al minimo l'impatto ambientale è necessario fare qualcosa anche nel proprio piccolo.
Se decidi di organizzare una festa, rendila green!

Ecco qui di seguito alcuni utili consigli che ti possono realmente aiutare nell'organizzare una festa ecosostenibile.

Se organizzi una festa in casa o magari in un locale, cerca di creare un'atmosfera soft con l'utilizzo di candele o torce. Questo per ridurre al minimo l'energia elettrica. L'atmosfera si rivela un aspetto molto importante, ma se vuoi renderla ancora più suggestiva, perché non arricchirla di decorazioni realizzate con gli imballaggi degli alimenti?

Per quanto riguarda invece la scelta delle candele, puoi utilizzare quelle di cera d'api, non emettono fumi ed inoltre non sono tossiche. In aggiunta, risultano superiori rispetto a quelle di comune paraffina.
In confronto alla paraffina o alle cere sintetiche di cui oggi se ne fa un largo uso, la cera d'api ha proprietà sia benefiche che curative.

Ma non c'è festa senza invitati! Per comunicare a parenti e amici il giorno della festa puoi creare degli inviti fatti a mano magari impreziositi da qualche strass o bottoncino colorato. In sostituzione, puoi anche utilizzare una e-mail collettiva e risparmiare così carta e inchiostro.

Per quanto riguarda invece la scelta del regalo, puoi consigliare ai tuoi invitati di scegliere un dono biologico prodotto esclusivamente con sostanze naturali: cosmetici o profumi naturali, oppure indumenti realizzati in cotone biologico, borse e scarpe riciclate il tutto incartato con carta certificata.

Anche il menu si rivela importante. A questo riguardo consigliamo di scegliere prodotti di stagione, freschi e genuini. Per la semplicità di preparazione, i piatti freddi possono risultare  un'idea alquanto efficace.
La torta è un elemento indispensabile per un compleanno, ma se vuoi risparmiare prova a realizzarla tu con ingredienti prettamente naturali e freschi.

Ma l'impatto maggiore in una festa viene dato proprio dalle stoviglie. Infatti molto spesso accade che l'utilizzo spropositato di piatti, picchieri, posate e quant'altro incidino negativamente sull'ambiente.
Per ovviare a tale problema, ci sono delle soluzioni davvero efficaci. Anzichè acquistare le normali stoviglie in plastica è possibile ad esempio scegliere quelle biodegradabili  e compostabile. Naturalmente hanno le stesse caratteristiche di quelle in plastica, l'unica differenza è data dal materiale utilizzato.

Per servire il cibo, invece dei tovaglioli di carta è possibile usare quelli di stoffa. Oltre ad essere ecologiche renderanno la tavola unica e originale.
Se vuoi decorare la tavola prova a creare delle ghirlande con pezzi di stoffa che trovi in casa. Anche le foglie verdi possono rivelarsi un'ottima soluzione per decorare le bottiglie.

Se il compleanno è di un bambino, perché non organizzare un bel pomeriggio al parco comunale? Basta avere a disposizione una tavola, qualche coperta e il gioco è fatto!
Prepara pizzette e focacce per merenda, torte fatte in casa e caraffe piene d'acqua.

Organizzare qualche gioco non è poi tanto difficile: una bella caccia al tesoro per i più grandi e tante bolle di sapone per i più piccoli...
Sicuramente i bambini saranno molto felici.. Sarà davvero una festa ecosostenibile alla loro portata!

A questo punto la festa è finita...Se avanza cibo, la parola d'ordine è riciclare! Ebbene si, puoi cimentarti nella realizzazione di nuovi piatti riciclando gli avanzi di cibo.
E allora, se vuoi organizzare il compleanno più originale e divertente, prova a sperimentare questi suggerimenti appena illustrati


Sperando che i nostri consigli possano essere stati realmente di aiuto, a questo punto non ci resta che augurarti buona festa ecosostenibile!

mercoledì 16 settembre 2015

Smog free tower: lo Studio Roosegaarde produce anelli comprimendo lo smog



Si potrebbe andare avanti per giorni senza cibo e ore senza acqua, ma senza aria potremmo resistere solo alcuni minuti. In media, ciascuno di noi respira oltre 3.000 litri di aria al giorno, quindi è necessario disporre di aria per vivere. Tuttavia, lo sapevate che respirare aria inquinata può fare molto male? L'inquinamento atmosferico può danneggiare alberi, piante, laghi e animali. Oltre a danneggiare l'ambiente naturale, l'inquinamento atmosferico provoca danni a edifici, monumenti e statue ed interferisce anche con l'aviazione.


Il designer olandese Daan Roosegaarde con il suo team di esperti ha creato i migliori brevetti per la riduzione dello smog nel mondo. Dopo aver visitato Pechino e sperimentato gli effetti di smog con le proprie mani, i ragazzi dello Studio Roosegaarde sono stati spinti a fare qualcosa per questa forma di inquinamento atmosferico. Per tre anni, la squadra ha lavorato ad un prototipo per la rimozione dello smog e ora sono pronti a passare al livello successivo del progetto. Guidati da Daan Roosegaarde, i suoi ragazzi stanno raccogliendo fondi su Kickstarter per finanziare la creazione della Smog free tower, il più grande depuratore d'aria del mondo. La Smog free tower utilizza la tecnologia agli ioni di brevettata per produrre aria aperta senza smog, permettendo alle persone di respirare aria pulita.

Questo progetto per liberare le città dallo smog non è solo destinato ad essere una soluzione locale, ma anche un'esperienza sensoriale di un futuro pulito. Insieme con i governi, le ONG e il settore del clean-tech, le persone possono diventare parte della soluzione invece che del problema.

La Smog free tower sarà costruita a Rotterdam, nei Paesi Bassi, e verrà diffusa in tutto il mondo. Il progetto consente di visitare le città in cui l'inquinamento atmosferico è un problema di grandi dimensioni. Azionata dall’energia eolica e solare, in futuro, la torre fornirà ai residenti delle aree più inquinate del mondo un’aria più pulita e respirabile. L’aria purificata attraverso questo mezzo sarà più pulita rispetto a quella inquinata della città per una percentuale del 75%. Per mezzo di questi progetti e brevetti, lo Studio Roosengaarde spera di sensibilizzare l'opinione pubblica sul problema dello smog.

La Smog free tower è stata progettata per essere una macchina a zero sprechi che ricicla le particelle di smog raccolte in degli appositi cubi. La torre utilizzata la tecnologia agli ioni di brevettata per rimuovere le particelle di smog dall'aria. Un segno tangibile dello smog è la raccolta e la compressione dello smog: ogni giorno, verranno raccolte abbastanza particelle di smog in modo da riempire 3500 cubi. Questi saranno raccolti e trasformati in un pezzo di gioielleria, come anelli e bracciali. Con il tempo e la pressione necessari, il carbonio in polvere può anche essere trasformarsi in un diamante. Quindi, l’acquisto di un anello può donare 1000 metri cubi di aria pulita alla città.
Il progetto della Smog Free Tower adesso sta raccogliendo fondi: finora ha maturato 971 sostenitori che hanno donato più di 83.000 $ a favore del progetto. Coloro che hanno sostenuto il progetto potranno ricevere un cubo gratuito, un anello creato con questo procedimento e altri oggetti a seconda del livello di finanziamento scelto.

Sito ufficiale: https://www.studioroosegaarde.net/project/smog-free-project/

Cerca nel sito

Articoli popolari

Articoli recenti

Gli ultimi articoli

Categorie

Pagine

Powered by Blogger.